SCATOLE CINESI

i racconti del maestro

La Rana e lo Scorpione

Sulle rive di un fiume, uno scorpione si avvicinò ad una rana e le chiese di poter salire sulla sua schiena per farsi trasportare sull’altra sponda. La rana inizialmente si rifiutò, temendo di essere punta dal micidiale pungiglione dello scorpione. “Io non so nuotare”,  disse lo scorpione. “Se ti facessi del male, morirei nel fiume con te”. La rana allora si convinse e si caricò sulla schiena il pericoloso animale. Arrivati al centro del fiume, lo scorpione punse la rana, che si irrigidì ed iniziò a sprofondare tra le acque. Con il suo ultimo respiro, la rana chiese allo scorpione il perché di quel folle gesto. “È la mia natura”, rispose lo scorpione, e morì.

Quando ero piccolo, la sera prima di addormentarmi, mia madre mi raccontava la favola della rana e dello scorpione. “Vedi, piccolo mio” – mi diceva mia madre – “non importa quali scuole frequenterai, che lavoro deciderai di svolgere o quanto tu possa diventare ricco nella vita. Come tutti gli uomini, anche tu, di fronte ad una scelta importante, ti comporterai sempre secondo la tua natura. La situazione, le motivazioni e le conseguenze delle tue azioni non influiranno sulle decisioni che mostreranno a te – e a tutti gli altri – chi sei veramente”. Quando decisi di lasciare il villaggio dei miei genitori, mia madre non pianse e nemmeno mi chiese perché. Sapeva che io non appartenevo a quel luogo. Che partire era una di quelle scelte che avrebbe mostrato chi sono davvero. Sapeva che stavo seguendo la mia natura.

Negli anni seguenti, ebbi modo, in diverse occasioni, di verificare in prima persona quanta verità ci fosse nelle parole di mia madre. Ogni individuo che ho incontrato nella mia vita e nel mio lavoro, quando si è ritrovato con le spalle al muro, mi ha mostrato la sua vera essenza. Molte volte sono rimasto deluso, altre ho provato un sincero stupore. Ho conosciuto uomini all’apparenza carismatici e disinteressati, ma in realtà cinici ed individualisti e uomini tormentati ed insicuri, ma coraggiosi e risoluti nel momento della verità. Ancora oggi, dopo così tanto tempo, mi capita di ripensare alla favola della rana e dello scorpione. Se c’è una cosa che ho capito, è che le persone, proprio come lo scorpione, in alcuni momenti decisivi della propria vita gettano la maschera e si mostrano per come sono realmente. Magari contro ogni logica, oppure secondo uno schema preciso: anche solo per una frazione di secondo, in quel preciso istante possiamo vederli. Comprenderli. E giudicarli.

I racconti sono ispirati a 101 storie Zen, NYOGEN SENZAKI e PAUL REPS (a cura di), trad. di ADRIANA MOTTI, ed. Piccola Biblioteca Adelphi, Milano 1973.

 
 
.

loghiswe-tsi-ama-poli